Proponi un articolo

Qui potete trovare tutte le istruzioni per poter pubblicare un articolo nella nostra rivista, con l’indicazione dettagliata della procedura di invio e valutazione dei contributi:

1. Studi sulla Questione Criminale pubblica contributi inediti sui temi della penalità, della criminalità, della sicurezza e del controllo sociale dal punto di vista delle scienze politiche, giuridiche e sociali.

2. Le proposte di contributo devono essere inviate alla Redazione di SSQC in formato elettronico (usando le estensioni .doc o .rtf) tramite il seguente indirizzo di posta elettronica: questionecriminale.giuri@unibo.it

3. Ogni contributo sarà valutato anonimamente con il sistema del “doppio cieco”.

4. La scelta dei referees è curata dal Direttore, di concerto con la Redazione, con particolare riferimento all’argomento trattato ed alle discipline interessate dal contributo.

5. Per garantire l’anonimato del processo di revisione, gli autori devono predisporre due pagine iniziali: la prima contenente nome, cognome, affiliazione, indirizzo di posta, telefono, e-mail e una nota biografica sull’autore non eccedente le 50 parole; la seconda contenente il solo titolo del contributo.

6. A tal fine la Redazione cura che l’articolo sottoposto a valutazione sia effettivamente privo di riferimenti che rendano individuabile il suo autore.

7. La Redazione invia ai referees designati il testo dell’articolo accompagnato dalla Scheda di valutazione e pone una data di scadenza per la consegna della valutazione, normalmente non inferiore ad un mese e non superiore ai quattro mesi.

8. La valutazione dei contributi sarà basata sui seguenti criteri: originalità e rilevanza scientifica dei temi trattati, adeguatezza metodologica, conoscenza e qualità della discussione della letteratura esistente, chiarezza espositiva.

9. Il parere dei valutatori potrà essere favorevole o sfavorevole alla pubblicazione del contributo. Se favorevole, potrà richiedere revisioni più o meno rilevanti.

10. La decisione circa la pubblicazione dei contributi è assunta collegialmente dagli organi della rivista, valutata la compatibilità con la linea editoriale e gli obiettivi della Rivista di tutti i contributi giudicati positivamente dai referees anonimi.

11. La Redazione, entro sei mesi dalla data di ricezione del contributo, trasmette all’autore la decisione motivata in ordine alla pubblicazione o meno del contributo, insieme al giudizio sintetico espresso dai referees.

12. Se l’articolo è approvato, sarà chiesto all’autore di uniformarlo ai criteri di redazione seguiti da SSQC.

13. Le schede di valutazione sono conservate in un archivio apposito a cura della Redazione, la quale si fa garante della riservatezza del processo di revisione.

14. Qualora il contributo fosse accolto per la pubblicazione, gli autori riceveranno una copia in formato .pdf del loro articolo.

Norme editoriali

1. La lingua di pubblicazione di SSQC è l’italiano.

2. SSQC prende in considerazione anche contributi scritti in lingue diverse dall’italiano (francese, spagnolo, inglese), che in caso di accettazione potranno essere pubblicati in lingua originale o tradotti a cura della Redazione.

3. SSQC pubblica tre fascicoli all’anno, con cadenza quadrimestrale.

4. Di norma ogni fascicolo si compone della sezione “Saggi”, contenente contributi originali su argomenti vari, e della sezione “Recensioni”, che ospita schede relative a libri in discussione.

5. Uno o più fascicoli nel corso dell’annata potranno eventualmente assumere carattere “monografico”, raccogliendo un gruppo di articoli riguardanti lo stesso argomento con la supervisione di uno o più curatori.

6. Di norma i saggi non devono superare i 60mila caratteri, note e riferimenti bibliografici inclusi.

7. Le recensioni non devono eccedere i 4mila caratteri.

8. Ogni saggio sarà accompagnato da un abstract in inglese di 2000 battute e alcune “parole chiave” che valgano ad identificare gli argomenti trattati.

9. Il titolo dei saggi deve indicare esattamente e nella maniera più sintetica possibile l’argomento oggetto del contributo.

10. I titoli degli eventuali paragrafi dovranno essere chiari e sintetici, ordinati secondo un criterio di progressione numerica e senza eccedere le tre sotto-sezioni.

11. Le citazioni di brani eccedenti le 40 parole dovranno essere staccate dal corpo principale del testo secondo il sistema del “set-off quotation”.

12. I riferimenti alle opere menzionate nel testo dovranno essere effettuati tra parentesi tonde secondo il sistema “autore/data”, ordinati cronologicamente e, nel caso in cui due o più lavori siano stati pubblicati il medesimo anno, alfabeticamente, es.: (E. H. Sutherland, D.R. Cressey, 1924; E. H. Sutherland, 1945; M. Foucault, 1975; U. Beck, 1994).

13. Le lettere a, b, c, andranno utilizzate per distinguere le citazioni di lavori differenti di un medesimo autore pubblicati nel corso dello stesso anno, es.: (M. Foucault, 2004a, 2004b).

14. In caso di curatele far seguire la dizione “a cura di” al nome del curatore, es.: (A. Hirsch, D. Garland, A. Wakefield, a cura di, 2000). Nel caso in cui si debba fare riferimento ad un lavoro pubblicato o curato da più di tre autori, far seguire la dizione “et al.” al nome del primo autore/curatore.

15. Tutti i riferimenti effettuati nel testo devono essere elencati alfabeticamente e in dettaglio alla fine dell’articolo utilizzando lo stile seguente a seconda che si tratti di:

Libri

FOUCAULT Michel (1975), Surveiller et punir. Naissance de la prison, Éditions Gallimard, Paris.

FOUCAULT Michel (2004a), Sécurité, territoire, population. Cours au Collège de France 1977-1978, Éditions Gallimard, Paris,

FOUCAULT Michel (2004b), Naissance de la biopolitique. Cours au Collège de France 1978-1979, Éditions Gallimard, Paris.

SUTHERLAND Edwin H., CRESSEY Donald R. (1924), Criminology, J. B. Lippincott, Philadelphia.

Curatele

HIRSCH Andrew, GARLAND David, WAKEFIELD Alison, a cura di (2000), Ethical and social perspectives on situational crime prevention, Hart, Oxford.

Articoli contenuti in opere collettive

BECK Ulrich (1994), The reinvention of politics: Towards a Theory of Reflexive Modernization, in BECK Ulrich, GIDDENS Anthony, LASH Scott, Reflexive modernization. Politics, tradition and aesthetics in modern social order, Polity Press, London, pp. 1-55.

Articoli in riviste

SUTHERLAND Edwin H. (1945), Is ‘White Collar Crime’ Crime?, in “American Sociological Review”, X, 2, pp. 132-39.